Sulle Rive dei nostri pensieri di Cristiano Pedrini

sulle rive

Titolo: Sulle Rive dei nostri pensieri

Autore: Cristiano Pedrini

Editore:  Self Publishing

Data di pubblicazione: 26 settembre 2017

Genere: Romance male to male

Pagine: 230

Formato: Ebook €2,99  – Cartaceo €14,99

Sinossi

Lungo il Mississippi, il battello American Queen scorre tra le sue limpide acque, trascinando con sé il destino di Lee, ventisettenne astro nascente della politica Americana, e Nicholas, un giovane dipendente del sud che lavora a bordo dell’incredibile imbarcazione sulla quale il primo viaggia per il suo tour elettorale.
Due mondi diversi, lontani, incredibilmente differenti, che si toccheranno, saranno uniti dalla passione, impareranno ad ascoltare i loro cuori e alla fine s’innamoreranno, sentendosi così coinvolti ed essendo così riusciti ad aprirsi l’anima, da arrivare a lottare contro tutto e tutti in nome del loro giovane amore.
Un passato scomodo li accomuna, una differente estrazione sociale li divide, un amore purissimo ma visto come diverso li tiene sul filo del rasoio e la loro forza di essere e di diventare, di amarsi, li tiene uniti e vivi.
I due protagonisti s’incontrano e da subito scoppiano scintille tra di loro; il carattere spigoloso del giovane Nicholas e il suo passato ostile attrarranno il giovane politico a tal punto da condurlo a lottare per quell’amore, nonostante l’opinione pubblica, nonostante ciò che l’uno è in realtà per l’altro e nonostante chiunque li circondi.
Dal canto suo Nicholas dovrà far accettare a se stesso le sue reticenze verso chi è troppo ricco o distante da lui lasciarsi andare.
Sulle Rive dei nostri pensieri” è un viaggio di scoperta dentro e fuori dai cuori dei protagonisti, ma anche di emozioni, di avventura e di lotta interiore ed esteriore, che porterà il lettore a mettere tutto in discussione, all’interno di amore dolcissimo e a bordo di una nave incredibile, partita per un viaggio magico e difficile allo stesso tempo.
Contro la diversità di estrazione sociale, di amore romantico, contro le differenze di età e la pubblica opinione, dritti al centro dell’amore e del cuore della vita, che dà un’opportunità a chi si ama quando forse non ce ne sarebbe nessuna.
Un viaggio emozionante dentro e fuori da se stessi per due personaggi unici, una storia originale e molti importanti messaggi tra le righe.

Recensione a cura di Giunia Fagiolini

Sulle rive dei nostri pensieri” è l’ultimo romanzo di Cristiano Pedrini che ho avuto il privilegio di leggere in anteprima grazie all’autore. Protagonisti sono il giovane deputato Lee Newman e il misterioso diciannovenne Nicholas Chase, a far da sfondo alla loro storia un viaggio a bordo di un battello che scivola sulle acque del maestoso Mississippi. Lee, giovane politico, affronta il suo tour elettorale portando con sé un cuore spezzato da una tremenda delusione, ma quando davanti ai suoi occhi appare il giovanissimo Nicholas, una scintilla dentro il suo petto si riaccende. Il giovane lavora come cameriere sul fascinoso battello per ricominciare una nuova vita dopo un passato che lo ha segnato nel profondo e che l’ha privato dei suoi amati genitori. Lee non si arrende davanti alla ritrosia del ragazzo, con costanza e determinazione riuscirà ad avvicinarsi al suo cuore e a conquistarlo. Questa bolla di felicità riuscirà a superare tutti gli ostacoli che verranno a presentare il conto ai due ragazzi? Infatti gli scheletri del passato di Nicholas e i doveri di politico e la delusione che ancora brucia nel petto di Lee rischiano di dividere per sempre le strade dei due ragazzi…

Si sedette sul letto alle sue spalle cingendo le braccia.
«Hai ragione. Io non voglio essere il tuo paladino, ma colui che sente, fin dal primo momento in cui ha ti ha visto, di amarti, e ammette di aver usato anche qualche piccolo sotterfugio per raggiungere il suo scopo…»
«Lo ammetti quindi!» replicò Nicholas additandolo minaccioso.
«Martin Heidegger soleva dire che “la grandezza dell’uomo si misura in base a quel che cerca e all’insistenza con la quale la cerca” … e io» – sorrise – «non avrei mai potuto perdonarmi di non aver tentato ogni cosa per scoprire quello che racchiudi dentro di te.»

Come nel romanzo storico “Madras” anche qui troviamo il simbolismo del fiume, ma anziché attraversarlo per superare le proprie diffidenze e diversità, qui sarà il Mississippi stesso, con le sue acque placide a trascinare con sé i timori che frenano i due giovani protagonisti, lasciandoli esposti al potente sentimento dell’amore che, nel giro di poco tempo, invaderà le loro menti e i loro cuori. Come spesso accade nei romanzi di Pedrini i protagonisti, in questo caso il tenero Nicholas, sono in età poco più che adolescenziale, l’età in cui si è più aperti alla vita, ai sentimenti, alla scoperta del mondo con l’intento di cambiarlo e renderlo migliore. Ed è proprio Nicholas il personaggio che riesce maggiormente a entrare in empatia con i lettori, con i suoi sogni che lo riportano in seno a una famiglia amatissima e perduta, con le sue paure e ritrosie, con i suoi sensi di colpa, con il suo carattere misto tra timidezza e sfrontatezza. Lee forse resta un po’ più difficile da decifrare, sappiamo che si è sentito tradito e abbandonato, anche se non viene sviscerato troppo questo aspetto del suo passato. È ambizioso ma quando si tratta di fare una scelta tra cuore e carriera… a voi scoprirlo leggendolo!

Rimase in silenzio mentre prendeva la forchetta per tagliare un pezzo di quel dolce che amava fin da piccolo: pasta brisée con aromi di limone, uova, latte e vaniglia… semplice e con ingredienti comuni e genuini. Forse l’amava proprio perché si sentiva molto simile ad essa: un ragazzo del sud come tanti altri, nato sulle rive di quel grande fiume, che sperava, un giorno, che lo conducesse lontano, portando con sé solo quel poco che considerava davvero importante: la sua voglia di costruirsi un futuro con le proprie mani, come gli era sempre stato insegnato.

La differenza di età tra i due protagonisti è minima e di poco rilievo, perché il diciannovenne Nicholas è stato costretto a crescere e maturare il fretta, a causa degli eventi che hanno devastato la sua famiglia e la sua vita. Il romanzo non presenta scene erotiche esplicite, tutto è lasciato all’immaginazione del lettore, e ogni approccio tra i due ragazzi trasmette in pieno un grande sentimento. Molto bella e ricca di fascino l’ambientazione, frutto dell’amore per i luoghi del cuore che contraddistingue l’autore.
Lo stile, estremamente lineare e scorrevole, fa leggere questo romanzo in breve tempo.
Se amate le storie animate da sentimenti profondi e sinceri che riescono a scavalcare ogni differenza sociale e anagrafica, che aspettate a imbarcarvi sull’American Quenn e partire per quest’avventura insieme a Nicholas e Lee?

stella05

lips1

 

Leggi l’anteprima qui sotto:


2 risposte a "Sulle Rive dei nostri pensieri di Cristiano Pedrini"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...