Chick Girl – Azalee per Veridiana (Senza sfumature) di Roberta de Tomi

51sfFCKPUfL.jpg

Titolo: Chick Girl – Azalee per Veridiana (Senza sfumature)

Autore: Roberta de Tomi

Editore: Delos Digital

Data di pubblicazione: 1 novembre 2016

Genere: Romance

Pagine: 92

Formato: Ebook € 1,99

 Sinossi

Veridiana è una giovane donna, dal carattere impulsivo e immaturo, sempre in mezzo ai guai. Reduce dall’ennesimo pasticcio combinato sul lavoro e decisa a indagare sui non detti dell’amica Melania, risponde a un annuncio, in cui si propone come accompagnatrice al curioso Mister Zone. Da quel momento la sua vita si tingerà di mistero e sensualità e, proprio come le aveva predetto una zingara molto tempo prima, si troverà in un terribile guaio da cui soltanto un uomo potrà salvarla.
Roberta De Tomi è nata in provincia di Modena, “damsiana” con la passione dei libri, dell’arte e dello spettacolo, ha all’attivo alcune pubblicazioni tra cui: “Come sedurre le donne” (HOW 2 Edizioni, 2014), “Magnitudo apparente” (Lettere Animate, 2014) e “Il maledetto residuo nel cuore” (Rupe Mutevole Edizioni, 2015). Gestisce un paio di blog, è ideatrice dell’evento “Words!” e lavora in ambito culturale.

Recensione a cura di Luciano dal Pont

Tempo presente e ritmo incalzante, quasi cinematografico, caratterizzano lo stile particolarissimo di Roberta De Tomi in questo suo breve romanzo a contenuti erotici tenui e discreti espressi sempre con grazia, persino con pudore, senza mai ricorrere a quei termini forti che così spesso caratterizzano questo genere letterario.

Seconda parte – L’accordo.

La mia schiena aderisce contro il suo busto, le braccia ricadono lungo i nostri corpi sul bordo della sedia, le dita intrecciate. Muovo il bacino avanti e indietro, trattenendo la presa delle mani che vorrebbero invadere il mio corpo. Il suo è pieno di me, pulsante di sensazioni a orologeria, sul punto di scoppiare. Continuo a danzare su di lui, i nostri sospiri uniti in un crescendo che non ha bisogno di nudità per toccare l’apice.
Lo sento bloccarsi, in maniera inequivocabile mentre il mio piacere si sospende tra le cortine del desiderio.

E come altre arti trovano talvolta la loro massima espressione in forme astratte, così anche la scrittura, se ben padroneggiata, può permettersi di evolvere verso questo modo certo inusuale d’essere rappresentata.
Ma l’astrattismo, se di qualità, in qualunque forma d’arte non dev’essere fine a sé stesso né tanto meno vuoto di contenuti, deve invece poter essere interpretato, decodificato e infine capito. Ed è ovvio che, per poter essere capito, deve voler dire qualcosa.
La scrittura di Roberta De Tomi spesso non è facile da comprendere, non è immediata, non arriva subito, e la sua criptica raffinatezza induce a volte a tornare indietro di qualche pagina per rileggere qualcosa che ci era rimasto oscuro e che soltanto alla luce di ciò che abbiamo appreso nelle pagine seguenti adesso abbiamo la sensazione di poter capire.
E, allora, lo capiamo.
È questa la forza, o una delle forze, di Roberta De Tomi. Leggendola si sente il suo talento, si percepisce la sua classe e la sua voglia di non essere banale, scontata, uguale agli altri, omologata. Perché non c’è nulla di omologato nella scrittura di Roberta, nemmeno a volercelo trovare a tutti i costi.

Terza parte – Da un sms.
Avvicino il viso ai petali dove cerco la mia perdizione, la fuga dalla confusione.
Mister Zone voleva chiudere con le azalee ma poi…
No, Veridiana, non pensarci. Pensa alla bellezza dei fiori. Anche per te c’è la bellezza.
La stanza è madida di colori e dentro mi sento attraversare dall’arcobaleno. La mia vita assume i contorni di un fumetto.
Mi arrotolo sul pavimento come un involtino di carne umana. Aspetta a tornare in te, Veridiana. Le risposte migliori nascono quando non sei in te.

E in Chick Girl, azalee per Veridiana non manca un sottile umorismo di fondo, un umorismo contaminato a tratti da una velata malinconia e che rimane nascosto per tutto il romanzo, defilato tra le maglie di un terrificante segreto che sconvolge l’esistenza di Veridiana e che non dev’essere svelato per nessuna ragione al mondo, un segreto così mostruoso, umiliante e vergognoso da rendere al confronto del tutto irrilevante la sua attività di prostituta d’alto bordo, e che soltanto alla fine si rivelerà in tutta la sua reale consistenza.

stella05

lips2

L’Autrice

Nata in provincia di Modena, “damsiana” con la passione dei libri, dell’arte e dello spettacolo, ha all’attivo alcune pubblicazioni tra cui “Come sedurre le donne” (HOW 2 Edizioni, 2014), “Magnitudo apparente” (Lettere Animate, 2014) e “Il maledetto residuo nel cuore” (Rupe Mutevole Edizioni, 2015). Gestisce un paio di blog, è ideatrice dell’evento Words! e lavora in ambito culturale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...