Viktor (Il Ciclo della Rinascita, Vol. 1) di Francesco Leo

Titol51doHaSEBTL.jpgo: Viktor (Il Ciclo della Rinascita, Vol. 1)

Autore: Francesco Leo

Editore: Edizioni Paguro

Data di pubblicazione:  21 aprile 2016

Genere: Fantasy

Pagine: 407

Formato: Ebook €0,99  –  Cartaceo €18,05

Sinossi:

Regno di Mirthya, Ciclo dell’Oblio.
Le otto divinità, detentrici del potere degli elementi, crearono il mondo e le razze per condividere con loro la vita. Il tradimento di una di queste peró, scatena una guerra che coinvolge ogni essere vivente. È un periodo storico incerto per il mondo. Dopo l’estinzione dei nani e la battaglia che ha coinvolto gli dei creatori, elfi e uomini sono tornati a vivere una vita tranquilla. Le paure, tuttavia, non sono svanite.
Secoli dopo, un’antica profezia preannuncia l’avvento di un eletto che dovrà risanare l’equilibrio del pianeta, minacciato da un male che si pensava dimenticato. Speranze e timori si mescolano nel cuore di ogni creatura, mentre il destino di un giovane ragazzo verrà segnato per sempre.
Primo libro della trilogia epic fantasy “Il Ciclo della Rinascita”, “Viktor” rappresenta l’esordio di Francesco Leo, autore che ha come obiettivo quello di mantenere alti valori importanti quali amore, amicizia e sacrificio attraverso un viaggio immaginario e coinvolgente.

Recensione a cura di Martina Targioni:

“Viktor”, romanzo d’esordio dell’autore italiano Francesco Leo, apre la trilogia fantasy dedicata a Viktor. giovane guerriero costretto suo malgrado a proteggere il proprio mondo dalla minaccia di Zergh, la divinità rinnegata che ha come unico scopo quello di sottomettere gli abitanti del pianeta. All’inizio il ragazzo, cresciuto in un piccolo paese da una famiglia contadina, ha qualche difficoltà ad accettare il proprio destino, trovando difficile che una persona comune come lui possa essere stata scelta dalla Stella per ricacciare nell’oscurità un nemico di quella portata. La paura, l’irritazione per essersi visto strappare via di forza dal suo villaggio, il timore di non essere all’altezza, la nostalgia della famiglia sono forti, tanto da indurlo qualche volta a dubitare della strada intrapresa.

 «Avrete visto che non ho fatto nulla, quindi. Mi sono solo distratto: la verità è che ha colto l’attimo per farmi notare quanto poco crede in me, e ha ragione. Avevo già dei dubbi al riguardo, e ne eravate a conoscenza. Ora sono sicuro che salvare il mondo non può essere il giusto destino per il figlio di un contadino.»

Galaeth lo strattonò verso di sé con entrambe le mani.

«È il destino che ti è stato affidato dagli dei! Se sei stato scelto…»

«Se sono stato scelto, è stato per errore.»

«Stai accusando le divinità d’aver sbagliato?» «Esattamente. Come hanno fatto dando troppo potere a Zergh, un potere che si è rivoltato contro tutto e tutti. Anche contro di loro. E ora il mondo è costretto a pagare per il loro sbaglio, per cui chi vi dice che non possano aver sbagliato ancora?»

La compagnia dell’amica d’infanzia Selene, però, così come gli incoraggiamenti dei maestri della Stella che lo vedono diventare sempre più abile nell’uso della spada e della magia, lo convincono che forse le divinità questa volta non hanno sbagliato, che forse non è così sciocco pensare che un giovane apprendista fabbro possa diventare l’unica speranza per le terre di Mirthya. Che forse il suo destino è davvero quello di diventare un eroe, come Xemnath, il precedente Eletto, prima di lui.

L’Anziano avvertiva una strana sensazione, come se le proprie forze si stessero dimezzando: portò lo sguardo all’addome.                                                                               Siride era conficcata nella sua tunica e aveva trapassato le sue carni.                             Viktor alzò il volto cadaverico verso quello del suo avversario e sorrise.                         «Ora ho concretizzato le mie idee», disse prima di perdere i sensi.

Con il suo stile e la precisa descrizione di paesaggi e atmosfere, l’autore ci trasporta come per magia in una realtà tipica della letteratura fantastica. Gli elementi ci sono proprio tutti: lunghi viaggi nei boschi, goblin e mostri vari, fiere di paese, allenamenti, vere battaglie, fughe rocambolesche e anziani mentori. E ancora avventure, sacrifici, legami d’amicizia, decisioni difficili e i primi impacciati tentativi romantici. Forse l’unica pecca di quest’opera è proprio la presenza contemporanea di troppi motivi ricorrenti del romanzo fantasy sullo stile di “Eragon” di Christopher Paolini, che a volte minano l’originalità della storia e la sua possibilità di svettare sopra gli altri titoli dello stesso filone. In alcune situazioni e, talvolta, anche nell’interazione e nei dialoghi tra i vari personaggi, si sentono un pochino troppo forti i topos letterari del genere, che mi hanno dato in certi momenti una vaga sensazione di dejà-vu.
Detto questo voglio chiarire che, anche se non ho amato particolarmente alcuni capitoli, ho trovato “Viktor” una lettura piacevole, piena di azione, con avvenimenti che si susseguono uno dopo l’altro senza un attimo di respiro e personaggi a cui, sebbene a volte sembrino un po’ stereotipati, non puoi fare a meno di affezionarti. Lo consiglio a chiunque ami il genere fantasy nella sua accezione più tradizionale e abbia voglia di lasciarsi trasportare insieme a Viktor, Selene e Gabriel in un mondo epico in cui anche un ragazzo chiunque può scoprirsi un eroe e cambiare la propria vita.
Se il lettore parte col presupposto di voler vivere un’avventura, prometto che qui ne troverà una molto impegnativa.
L’eletto dovette rimandare i suoi ragionamenti riguardo al funzionamento delle colonne di sabbia quando uno dei nemici sferrò un fendente con una lunga alabarda d’acciaio. Saltò poco prima che il fendente lo colpisse all’altezza delle ginocchia, poi scattò in avanti affondando la lama nel collo della vittima, che capitolò al suolo tingendo di rosso la sabbia dorata.Un manipolo di tre avversari si fece avanti.

Viktor menò alcuni colpi cercando di trovare brecce nelle loro difese e si lanciò di lato evadendo dal raggio degli attacchi ostili; evocò la runa della terra per alzare con un’esplosione una coltre di sabbia che catturò i tre avversari. Immediatamente, si servì del vantaggio che si era concesso per attaccare gli avversari resi ciechi per qualche momento.

stella03

L’Autore:

Francesco Leo, nato a Magliano Sabina il 29 Giugno del 1992. Sin da piccolo si mostra interessato alle arti in genere, mostrando uno spiccato senso della creatività. Incantato dal cinema e dalla recitazione, si appassiona particolarmente al genere Fantasy. Con il trascorrere degli anni, altre passioni si aggiungono alla lista: videogiochi, lettura e programmazione. Trascorre i primi anni dell’infanzia a Civita Castellana, città del viterbese, per poi trasferirsi a Fabrica di Roma, poco distante dalla località precedente. Terminate le scuole medie, si iscrive all’Istituto Tecnico Industriale per apprendere le scienze informatiche, che da sempre lo avevano attratto. Subito dopo il primo anno, però, in seguito alla separazione dei suoi genitori, va a vivere con suo fratello a Siano, in provincia di Salerno, paese di origine del padre, che resta con loro. In quel periodo il suo carattere introverso lo porta a chiudersi in sé stesso, trovandosi solo in un posto nuovo e privo degli amici con cui aveva trascorso la sua adolescenza. Per questo motivo, inizia ad impegnare la monotonia delle giornate con la scrittura e la palestra. Superate le difficoltà iniziali, il ragazzo instaura nuove amicizie e sceglie di parlare con loro, oltre ai suoi genitori, di un romanzo di fantasia che aveva iniziato a scrivere. Basandosi su idee tratte da una storia che aveva scritto quando era più piccolo, il giovane è determinato a completare il romanzo, che successivamente verrà mostrato ad un’ insegnante per una valutazione. Ottenuto un buon riscontro, Francesco comincia a pensare di fare un passo in più: tentare la pubblicazione del manoscritto. Così, per caso, entra a far parte di un gruppo di persone online che consta di diversi artisti autodidatta, tra cui molti scrittori che lo introducono al selfpublishing. Il selfpublishing si basa sulla creazione di un libro di cui lo stesso autore è responsabile di procurarsi una copertina, ingaggiare una campagna pubblicitaria e provvedere alla revisione dello stesso. Successivamente, lo scritto viene pubblicato online mediante diverse piattaforme a basso costo. In questo modo, un autore emergente può usufruire di un’ottima vetrina investendo somme di denaro non spropositate. Così, intenzionato a farsi conoscere dapprima online per poi sperare in un futuro sulla strada della scrittura, e supportato da familiari e amici, inizia il suo percorso da autore selfpublisher. Le carte in tavola cambiano quando una generosa offerta della casa editrice Edizioni Paguro propone di lasciar loro l’onere della pubblicazione. A quel punto, Francesco sceglie di limitare l’iniziale scelta del selfpublishing solo per il formato digitale (e-book) delle opere, affidandosi a Edizioni Paguro per quello cartaceo.

Pagina Fb: https://www.facebook.com/FrancescoLeoOfficialPage/?fref=ts

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...